«Raimondo Montecuccoli nella storia politica e militare del Seicento» Conferenza di Franco Cardini nel ricordo di padre Berardo Rossi.

A cinque anni dalla scomparsa di padre Berardo Rossi, la Fondazione Mariele Ventre vuole ricordarne la figura e l’opera con una conferenza, organizzata in collaborazione con l’Accademia del Frignano «Lo Scoltenna» e con l’Antoniano di Bologna, patrocinata dal Comune di Pavullo nel Frignano (Mo), che si terrà domenica 24 giugno p.v. alle ore 15.30 nella Chiesa di San Lorenzo Martire a Montecuccolo di Pavullo nel Frignano (Mo).

La conferenza dal titolo «Raimondo Montecuccoli nella storia politica e militare del Seicento» sarà tenuta da Franco Cardini, professore emerito di storia medievale presso l’Istituto di Scienze Umane e Sociali di Firenze.

Il coro dei «Vecchioni di Mariele», formato da ex bambini del Piccolo Coro dell’Antoniano diretto da Mariele Ventre (il nome «Vecchioni» è stato scelto da loro stessi perché così era solita chiamarli Mariele quando, per raggiunti limiti di età, dovevano lasciare il Piccolo Coro), introdurrà e concluderà l’incontro con l’esecuzione di alcuni brani tratti dalla discografia ufficiale del Piccolo Coro dedicata a San Francesco d’Assisi.

In mattinata, nel vicino oratorio di Masana di Sopra, alle ore 10.00 verrà celebrata la Santa Messa, animata dal coro dei «Vecchioni di Mariele».

Variazione relatori della conferenza:
A seguito di un imprevisto, il Prof Cardini verrà sostituito dal Col. Franco
di Santo: studioso di Raimondo Montecuccoli e divulgatore!

Conferenza sul CASTELLO DI MONTECUCCOLO

Il Castello di Montecuccolo è l’eccellenza del nostro paese….
domenica prossima un percorso attraverso le immagini che affronterà gli aspetti strutturali della Rocca, le potenzialità turistiche e la prospettiva europea.
Il Castello come poteva, come potrebbe e come potrà essere!
In poche parole un evento imperdibile!

Vi aspettiamo numerosi!!!

Santa Pasqua 2018!

Auguriamo a tutti una serena Pasqua!

Presto gli aggiornamenti sulla riapertura dell’esposizione presso la Torre Montecuccoli in Montecenere di Lama Mocogno (Mo)!

Da Montecuccolo all’Ungheria!

L’Associazione “Il Frignano dei Montecuccoli” ha portato i saluti di Pavullo nel Frignano ai musei di Mogersdorf e Szentgotthárd.

A sinistra con il curatore del Türkenschlacht Museum, Gerhard Granitz. A destra con il responsabile del Pável Ágoston Múzeum, Gueth László.

———Il nostro viaggio prosegue 20 chilometri a sud-est per raggiungere il promontorio dal quale il Feldmaresciallo Montecuccoli controllava i movimenti delle truppe e l’andamento della battaglia…La collina prende il nome di Schlösslberg….nel ‘64 venne costruito il Memorial Schlösslberg: la Croce monumentale, un nuova cappella e un pietra illustrativa sulla quale è incisa la disposizione delle truppe e il loro numero….Scendiamo la collina e qui oltre il parcheggio scorgiamo il cartello indicante il Türkenschlacht Museum…. Sono conservate asce, alabarde, sciabole e pistole….Attraversiamo il confine con l’Ungheria e a 5 chilometri da Mogersdorf, ci troviamo a Szentgotthárd….a lato della chiesa, troviamo il palazzo Színház , centro culturale e sede delle informazioni turistiche….puntiamo sul museo cittadino, il Pável Ágoston Múzeum dove il gentilissimo múzeumpedagógus Gueth László ci porta in visita….vi è un area del museo dedicata alla battaglia con pannelli e un maxi schermo dove viene proiettata la video-ricostruzione dello scontro che in ungherese si dice “csata” con bellissimi effetti grafici e sonori….Passato il confine torniamo a Mogersdorf decisi a trovare a tutti costi Annakapelle….La cappella di forma rotonda fu costruita attorno al 1670 quale memoriale per le vittime del massacro turco….Nel parchetto è presente una lapide fatta erigere dalla Francia per i suoi caduti. In occasione dei 350 anni dalla battaglia di Mogersodorf, nel 2015 è stato realizzato un monumento da parte dell’Ambasciata Turca in Austria a ricordo dei loro caduti.

Queste sono solo alcuni brani del resoconto fatto da Alessio Bononcini durante il viaggio nei luoghi della battaglia di San Gottardo.
Il resoconto completo, lo trovi qui. Il resoconto fotografico invece lo trovi qui. Per il video, clicca qui.

 

11 settembre 1683!

Vogliamo ricordare quattro eroi praticamente dimenticati!

A quell’epoca l’Europa era molto debole ed in crisi proprio come oggi: la Germania era divisa in tanti staterelli e principati; l’impero Asburgico era retto da Leopoldo I il quale era più avvezzo a occuparsi dei grandi fasti della vita di Corte, che non di diplomazia o di organizzazione militare; la Francia come sempre pensava al suo interesse. Come sottolinea il Prof. Cardini, per il Re di Francia poco sarebbe cambiato se avesse vinto il Sultano anzi, egli dietro le quinte bramava di allearsi ai Turchi pur di distruggere l’eterno avversario del Sacro Romano Impero. In quel contesto fu un italiano ad organizzare la resistenza, a galvanizzare il popolo, a tessere una tela di alleanze...Padre Marco d’Aviano come il nostro Raimondo Montecuccoli vent’anni prima (va ricordato anche il ruolo che nella battaglia ebbe il suo discepolo ed erede militare Eugenio di Savoia). Italiani, popolo che non aveva uno stato nazionale, costretto a servire lo straniero, ma che ha sempre primeggiato per genialità, eroismo ed arte. L’aiuto fondamentale poi arrivò da est, dalla Polonia e dal suo Re Ian Sobiesky. Questo a riprova di quanto fu fondamentale l’Est per l’Europa e quanto lo sarà per il futuro. Una vicenda del passato che sembra parlare di presente e di futuro. Ricordiamo questi Eroi Italiani e Polacchi e ci siano di esempio per il futuro.