9.10.11 agosto 2019 week-end delle stelle di San Lorenzo a Montecuccolo

Sagra di Montecuccolo 9.10.11 Agosto 2019

Il week-end delle stelle cadenti al Castello di Montecuccolo nel Comune di Pavullo nel Frignano, eventi di #SanLorenzo.

Dopo il successo de La Storia in Festa, un altro week end ricco di eventi presso il borgo di #Montecuccolo (873 m.s.l.m.) a #PavullonelFrignano, targato Terra e Identità & Il Frignano dei Montecuccoli.

Il wee-end delle stelle cadenti sarà infatti contrassegnato dal ritorno della #SagradiMontecuccolo da venerdì 9 a domenica 11 a cura della parrocchia del borgo, con ricchi stand gastronomici a base di #Crescentine, #Borlenghi e #Polenta.

S. Messa e concerto del Coro Montecuccoli sabato alle ore 16 e processione e corpo bandistico domenica sempre alle 16.

Si parte dunque venerdì 9 alle ore 21 presso il Palazzo Ducale di Pavullo – Galleria dei sotterranei con la presentazione a cura di #TerraeIdentita’ dal titolo L’Ultimo Duca a Pavullo con il prof. Andrea Pini, Elena Bianchinibraglia e Paolo Rodolfo Carraro.

Il ricordo dell’ultimo Duca Francesco V° e della piramide da lui fatta erigere nei boschi di Montecuccolo, prosegue il giorno seguente con la prima #camminatadellapiramidediserradiporto gratuita organizzata da #IlFrignanodeiMontecuccoli alle ore 18 con partenza dal borgo e arrivo all’oratorio di #CadiChino. Alle 20:30 visita guidata in costume notturna al Castello di Montecuccolo a cura del Prof. Andrea Pini e del gruppo “Corte dei Montecuccoli”.

Le stelle cadenti sono invece protagoniste della prima #camminatadellestellediSanLorenzo” alle ore 22:30 dove con partenza dalla piazzetta della “campanella” si attraverserà il nuovo percorso illuminato del campo d’aviazione con lo sguardo rivolto alle stelle.

Domenica mattina l’appuntamento è alle ore 9:00 per la prima #camminatadiRaimondo” in direzione del Castello con la guida storica di Alessio Bononcini e Roberto Amadori. “Il Frignano dei Montecuccoli” sarà poi protagonista della visita guidata al Castello domenica alle ore 16.

Anniversario 337 della morte di Raimondo Montecuccoli

16 ottobre 1680 Raimondo Montecuccoli muore a Linz presso l’albergo “All’Aquila Nera”. I suoi organi vengono tumulati presso la Kapuzinerkirche dove una lapide lo ricorda. La salma venne sepolta a Vienna nella chiesa Am Hof nella solennità di un funerale che oltre alla partecipazione della Corte Imperiale vide una grande partecipazione di pubblico come avviene per i più grandi Eroi. L’imperatore Leopoldo I concesse al figlio di Raimondo; Leopoldo Filippo il titolo di Principe del Sacro Romano Impero quale onorificenza post mortem ai meriti del padre che per gli Asburgo aveva combattuto invitto per ben 50 anni. L’impero Ottomano da lui sconfitto nel 1664, attese la morte del “demone Montecuccoli” (come lo chiamavano loro) prima di tentare il successivo assedio di Vienna l’11-12 settembre 1683.

11 settembre 1683!

Vogliamo ricordare quattro eroi praticamente dimenticati!

A quell’epoca l’Europa era molto debole ed in crisi proprio come oggi: la Germania era divisa in tanti staterelli e principati; l’impero Asburgico era retto da Leopoldo I il quale era più avvezzo a occuparsi dei grandi fasti della vita di Corte, che non di diplomazia o di organizzazione militare; la Francia come sempre pensava al suo interesse. Come sottolinea il Prof. Cardini, per il Re di Francia poco sarebbe cambiato se avesse vinto il Sultano anzi, egli dietro le quinte bramava di allearsi ai Turchi pur di distruggere l’eterno avversario del Sacro Romano Impero. In quel contesto fu un italiano ad organizzare la resistenza, a galvanizzare il popolo, a tessere una tela di alleanze...Padre Marco d’Aviano come il nostro Raimondo Montecuccoli vent’anni prima (va ricordato anche il ruolo che nella battaglia ebbe il suo discepolo ed erede militare Eugenio di Savoia). Italiani, popolo che non aveva uno stato nazionale, costretto a servire lo straniero, ma che ha sempre primeggiato per genialità, eroismo ed arte. L’aiuto fondamentale poi arrivò da est, dalla Polonia e dal suo Re Ian Sobiesky. Questo a riprova di quanto fu fondamentale l’Est per l’Europa e quanto lo sarà per il futuro. Una vicenda del passato che sembra parlare di presente e di futuro. Ricordiamo questi Eroi Italiani e Polacchi e ci siano di esempio per il futuro.

La carriera di Raimondo Montecuccoli

Per quanto riguarda i ritratti di Raimondo a lui contemporanei (1609-1680),in assenza di elementi certi, è difficile stabilire con certezza a quale perido della sua vita siano legati. Di fondamentale aiuto è la presenza di “titoli”, i quali indicano il livello della carriera raggiunto dal Montecuccoli in quel particolare momento in cui veniva eseguita l’incisione o realizzato il quadro.

 1625 Soldato Semplice

 1629 Alfiere

 1631 Tenente

 1632 Maggiore di Fanteria

 1634 Tenente Colonnello

 1635 Colonnello

 1642 Generale

 1643 Maestro di Campo

 1644 Tenente Maresciallo di Campo

 1645 Membro del Consiglio Aulico Imperiale di Guerra

         (Hofkriegsrat) Gentiluomo di Camera dell’Imperatore

1647 Generale della Cavalleria

 1658 Feldmaresciallo

 1660 Governatore di Giavarino (Gyor presso il fiume Raab)

 1661 Feldmaresciallo Generale

         Luogotenente Generale dell’Impero ( Il Conte Modenese è al vertice

         della gerarchia militare e dell’apparato politico dell’Impero secondo

        solo all’Imperatore)

1666 Ordine del Toson d’Oro (riservato a Principi,Re,Imperatori)

 1668 Presidente dell’Imperiale Consiglio Aulico Militare

 1669 Diploma Imperiale di “Illustrissimo”.

 1675 Gli viene promesso il titolo di “Principe dell’Impero”.

         Raimondo lascia il Comando Supremo dell’Esercito Imperiale a Carlo

        di Lorena

1689 Il figlio Leopoldo Filippo riceve il titolo di “Principe”, con decreto di

        Leopoldo I del 23 maggio.

        L’Imperatore attribuendo questa alta qualifica al figlio di Raimondo,

       intendeva disobbligarsi col il padre, morto nel 1680.