“Strenna Pavullese 2011”

Strenna Pavullese 2011

Era il 1923, ottantaotto anni fa, quando uscì per la prima volta una piccola pubblicazione frignanese con filastrocche, poesie, avvenimenti locali dell’anno, ricette, detti della saggezza popolare, pagine di Storia locale, con la pubblicità di alcune ditte pavullesi ( come l’autolinea Macchia…). Allora senza la televisione e la radio, fu un piccolo evento che rallegrò davvero il Natale di Pavullo anni ’20. Negl’anni ’60 la Strenna sembrava ormai fuori posto, nell’epoca del boom economico finalmente tutti potevano permettersi un televisore o una radio dopo tanta miseria c’era comprensibilmente tanta voglia di modernità e progresso. A partire dal 1996, la tradizione della Strenna diretta con tanta passione dal Prof. Andrea Pini ed edita dall’ associazione turistica Pro Loco di Pavullo nel Frignano è tornata a vivere nel nostro paese. Essa ci ricorda il valore del mondo contadino e montanaro, la bellezza semplice ma genuina di quel mondo che rischia di scomparire nell’epoca della Globalizzazione. La Strenna ci riporta ,in questa era digitale, il piacere di ritrovare il detto popolare in dialetto poesie e filastrocche testimonianze e ricordi preziosi dei nostri nonni, i personaggi del paese, i fatti accaduti a Pavullo nel 2011, raccontati con l’ironia del nostro Battistin Paneda con la sua satira pungente sui nostri politici locali attività culturali specialità tipiche insomma un menu’ per tutti i gusti! Il fascino delle foto in bianco e nero, delle nostre tradizioni.

Quest’anno la Strenna ospita anche due articoli di Storia Locale a cura dell’Associazione “Il Frignano dei Montecuccoli” (di Evelin Leva & Alessio Bononcini……imperdibili 😉 

Davvero per tutti i gusti……

 

 

Un pensiero su ““Strenna Pavullese 2011”

  1. Di grande interesse sulla Strenna gli articoli del Prof. Andrea Pini su Vincenzo Ghibellini e su Domenico Ferrari; due figure che meritano di essere ricordate nella memoria collettiva del nostro paese. Segnalo inoltre un articolo divertente su Albano Sorbelli visto nella quotidianità del Frignano di allora. Molto bella l’intervista di Davide Venturelli a Concetta Patuzzi una centenaria pavullese che ha molto da insegnarci!

Rispondi a Alessio Bononcini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*